Un pareggio per 0-0 che non accontenta nessuno tra Atalanta e Inter. Scontenta i nerazzurri di Spalletti che potevano approfittare del derby di domani sera tra Lazio e Roma per rosicchiare punti in ottica Champions e scontentano anche gli uomini di Gasperini che in caso di vittoria potevano a un solo punto dalla zona Europea.

PRIMO TEMPO

Al 2′ subito Atalanta pericolosa con Caldara, che al volo col mancino manda il pallone alto sopra la traversa. Tre minuti e tocca a Gomez sprecare una buona occasione mandando a lato a pochi passi da Handanovic. Al 9′ rischia tantissimo D’Ambrosio con un retropassaggio sgangherato che per poco non innesca Barrow. Bravo Handanovic ad uscire per risolvere una situazione pericolosissima. Primo brivido nerazzurro al minuto 18 con Rafinha, che ci prova con un sinistro dal limite che non inquadra lo specchio. Un minuto e Atalanta vicina al vantaggio con Barrow, che splendidamente liberato da Cristante, da distanza ravvicinata spara su Handanovic. Al 24′ ancora orobici pericolosi con Freuler, che chiama Handanovic alla parata in due tempi. Al 27′ ancora occasione per Barrow, che col mancino manda il pallone sull’esterno della rete. Tre minuti e ancora occasione per il numero 99 atalantino che di testa trova sulla sua strada la grande risposta di Handanovic. Sul capovolgimento di fronte Inter vicina al vantaggio con Perisic, che calcia col mancino e chiama Berisha alla prima vera parata del match. Al 42′ ancora grande occasione per Perisic che con un destro a incrociare non trova lo specchio di un nulla. L’ultima emozione dei primi 45′ arriva con Cristante, che col sinistro da fuori impegna Handanovic a terra.

SECONDO TEMPO

La prima fiammata del primo tempo arriva al minuto 54′ con Icardi, che dopo una grande progressione offensiva, viene anticipata un attimo prima del tiro da Hateboer. Ritmi blandi nella ripresa dopo una prima frazione bella intensa di emozioni. Al minuto 61 ci prova Santon col destro da fuori, ma la sua conclusione non trova lo specchio della porta. Dieci minuti di noia, poi al 72′ ecco che l’Inter si rende pericolosa con Rafinha. Palla profonda di Perisic per Icardi, che col tacco libera l’ex centrocampista del Barcellona. Peccato solo che il tiro del numero 8 nerazzurro sia praticamente da dimenticare. Le emozioni latitano in questa ripresa tanto che per vedere un’altra emozione bisogna aspettare il minuto 81′ quando Eder su punizione chiama Berisha alla grande parata in tuffo. Ancora pericolosi i nerazzurri all’86’ con Perisic, che di testa non riesce a spedire in porta un gran servizio Eder. Tre minuti e ancora Inter pericolosa con l’ex di turno. Gagliardini raccoglie una respinta atalantina e calcia verso la porta di Berisha, non trovando lo specchio di un niente. Il tiro del numero 5 di Spalletti è l’ultima emozione del match che termina dopo 3′ di recupero.

TABELLINO
Atalanta (3-4-1-2)
: Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens (80′ Castagne); Cristante (86′ Mancini); Barrow (46′ Cornelius), Gomez. All.: Gasperini
Inter (3-4-3): Handanovic; Skriniar, Miranda, D’Ambrosio; Cancelo, Gagliardini, Borja Valero, Santon (90′ Karamoh); Rafinha (72′ Eder), Icardi, Perisic. All.: Spalletti

FOTO: https://nst.sky.it/immagini/sport/calcio_italiano/2018/04/14/atalanta_inter/738-462/atalanta_inter_getty__2_.jpg – http://cdn.calciomercato.com/images/2018-04/borja.inter.atalanta.2017.18.750×450.jpg