Da Napoli parte una petizione alla FIGC: Inter-Juve è da ripetere

1294

Allegri e TagliaventoLe proteste per l’arbitraggio della partita Inter-Juventus non accennano a spegnersi. Dopo che le immagini del siparietto tra il mister bianconero Allegri e l’arbitro del VAR Tagliavento esaminate dalla FIGC sono state archiviate come materiale non utile per aprire un’indagine, l’onda dell’indignazione non si spegne.

Gli avvocati Angelo e Sergio Pisani, in difesa dello sport pulito, hanno deciso di presentare un esposto alla FIGC per chiedere la ripetizione della partita Inter-Juventus. Per farlo si rivolgono al sistema americano della class action, ovvero una raccolta di firme attraverso la piattaforma di petizioni Change.org con lo scopo di raggiungere 50 mila firme, obiettivo alla portata vista l’indignazione che l’arbitraggio di Orsato ha scatenato non solo nei tifosi di Inter e Napoli ma di tutti quelli che amano il calcio sano.

LA CLASS ACTION

L’obiettivo della class action non è quello di ottenere un risarcimento economico, si leggeInter Juve infatti nella petizione: “I tifosi non vogliono soldi desiderano solo che sia fatta giustizia e che le regole, almeno quelle sportive, siano uguali per tutti“. Ancora continuano i legali: “La Federcalcio non può avere atteggiamenti che facciano sorgere dubbi sui principi e valori dello sport . Ogni tifoso ha diritto a un risarcimento per il danno subito personalmente dal mancato spettacolo calcistico“.

L’azione intrapresa degli avvocati napoletani non si ferma agli ambiti calcistici, seguirà infatti un esposto alla Procura per accertare se ci sia stata o meno frode sportiva. In questo caso parliamo di un reato penale che scatterebbe nel caso in cui venissero accertati indebite agevolazioni da parte degli arbitri nei confronti della Juventus durante tutto il campionato.

Da quando è stata lanciata la petizione ha raccolto quasi 4000 firme, l’obiettivo che gli avvocati Pisani si sono posti sembra veramente a portata di mano.