Serie A, il giudice sportivo squalifica 15 giocatori

6

Serie A, questo fine settimana è stato decisivo per molte squadre e piuttosto pericoloso per parecchi giocatori che hanno subito la squalifica e lo stop per un turno. Il giudice sportivo a seguito di vari comportamenti scorretti ha infatti deciso di squalificare ben 15 i giocatori in relazione all’ultima giornata di campionato disputata. 6 su 15 sono stati espulsi durante l’ultima giocata e rimarranno fermi per una giornata.

Tra questi 6 troviamo nomi importanti come Alex Meret calciatore del Napoli che è stato espulso “per aver commesso un intervento falloso su un avversario in possesso di una chiara occasione da rete”. Nessuna condotta antisportiva però in occasione dell’episodio che ha direttamente coinvolto Cristiano Ronaldo. E poi ancora Francesco Cassata del Frosinone, Thiago Cionek della Spal, Andrea Consigli del Sassuolo, Aleksandar Kolarov della Roma, Miralem Pjanic della Juventus. E’ scattata invece la diffida, l’ammonizione per gli altri calciatori che hanno conquistato purtroppo lo stop per un turno e si parla di Cancelo della Juventus, di Cigarini del Cagliari, di Dzeko e Fazio entrambi giocatori della Roma, di Faragò del Cagliari, di Mandragora dell’Udinese, di Rigoni del Chievo, di Rodriguez del Milan ed infine di Vecino dell’Inter. Tutte queste squadre dovranno fare a meno per un turno di pezzi forti la cui assenza in campo si farà sentire anche perchè tutti i nomi citati sono nomi di calciatori che riescono a ricoprire bene qualunque ruolo in campo e sanno giocare in tutte le posizioni, attacco, difesa, centrocampo quindi sostituire o farne a meno sarà impossibile.

Serie A, ammende e stop per Napoli ed Empoli

Serie A, per il Napoli la situazione è leggermente più grave, il team infatti sarà costretto a pagare un’ammenda piuttosto salata di 20 mila euro perchè i suoi sostenitori, tutta la tifoseria prima e durante il gioco ha ben pensato di indirizzare un raggio laser verso i giocatori della squadra avversaria. Come se non bastasse, per mantenere il livello di illegalità più alto possibile, la tifoseria napoletana ha lanciato durante tutto il corso del primo tempo due bengala.

Non soltanto il Napoli ha dovuto pagare le amare conseguenze ma anche l’Empoli che anzichè esser costretto a pagare una sanzione salata ha subito una lo stop tra i dirigenti del presidente Fabrizio Corsi fino a giorno 25 marzo. La motivazione? A quanto pare durante il corso del primo tempo ha assunto un atteggiamento minaccioso sul campo di gioco nei confronti del direttore di gara esponendolo a espressioni intimidatorie. Ed infine non poteva non essere nominata la squadra degli azzurri alla quale toccherà pagare un’ammenda di 5.000 euro con diffida diretta al direttore sportivo Pietro Accardi.