Serie A, Neymar squalificato

9

Serie A, a causa di una Instagram story Naymar dovrà scontare ben tre turni di squalifica, questo è quanto è stato deciso dalla commissione disciplinare dell’Uefa, a quanto pare il calciatore brasiliano ha rivolto degli insulti molto pesanti all’arbitro Skomina, che si è occupato della partita di Champions tra il Psg e il Manchester United, si tratta degli ottavi di ritorno ai quali Neymar non ha potuto partecipare a causa di un infortunio. Dalla panchina non ha potuto fare altro quindi se non assistere all’eliminazione della sua squadra da parte del Red Devils, dopo aver messo a segno la meritata vittoria dell’andata contro l’Inghilterra con un bellissimo punteggio di 2-0.

La rabbia del ragazzo si è scatenata soprattutto quando in pieno recupero è stato concesso alla squadra avversaria un rigore che è stato poi decisivo per vincere l’incontro. Per questo motivo ha scritto sul suo account Instagra, in preda alla rabbia ed al rancore che si è trattato di un gesto vergognoso e tanto altro, aggiungendo come se non bastasse l’immagine del fallo di Kimpembe e accusando ben quattro persone di non capire nulla di calcio ed invitandoli a controllare bene le immagini.

Serie A, per Neymar altre squalifiche in passato a causa dei social

Serie A, in realtà per Naymar questa non è la prima squalifica, reduce da altri avvenimenti del genere ritorna a commettere gli stessi errori dimostrando di non avere imparato nulla. La prima squalifica arrivò in occasione del video postato da Lovren dopo la partita tra Croazia e Spagna di Nations League, quel video fece parlare parecchio e per diversi giorni. L’incontro invece finì 3-2 per la nazionale di Dalic e rivolgendosi a Sergio Ramos disse di avergli dato una bella gomitata e che più avanti aveva anche calcato la mano sugli spagnoli. Per questo motivo venne squalificato dalla Uefa per una sola giornata, ovvero quella della Nazionale contro l’Azerbaijan e non in Champions.

I tifosi possono stare tranquilli perchè a prescindere da tutto ciò il ragazzo sarà comunque in campo per la finale di Coppa di Francia contro il Rennes nonostante la fuga a Torino della quale si parla ormai da parecchie ore sui social. Il ragazzo continua a far parlare di sè sia in positivo che in negativo. Ma cosa dice di lui l’allenatore Thomas Tuchel? L’uomo ha più volte affermato di non essere nè un poliziotto nè il padre e quindi nel ruolo che ricopre si ritrova ad essere impossibilitato a fare qualunque passo.