Serie A, ecco gli stadi del prossimo campionato

32

e gli impianti interessanti dalle partite giocate nella prossima stagione.

Si tratta di ben 17 impianti che ospiteSerie A, grande attenzione rivolta all’inizio del campionato e alle prossime partite. Molti si sono chiesti quali saranno gli stadi ranno i fan e i tifosi oltre che le squadre che si sfideranno. Non si tratta dei soliti stadi, diciamo di quelli di tradizione come San Siro, si tratta invece di importanti ritorni come Via del Mare di Lecce e il Rigamonti di Brescia.

Serie A, la lista degli stadi diventa molto interessante

Serie A, ecco quali sono gli impianti interessati dal nuovo campionato:

  • Gewiss Stadium (Atalanta) – capienza: 21.300,
  • Stadio Renato Dall’Ara (Bologna) – capienza: 38279,
  • Mario Rigamonti (Brescia) – capienza: 16743,
  • Sardegna Arena (Cagliari) – capienza: 16233,
  • Stadio Artemio Franchi (Fiorentina) – capienza: 43147,
  • Stadio Luigi Ferraris (Genoa e Sampdoria) – capienza: 36599,
  • Stadio San Siro o Giuseppe Meazza (Inter e Milan) – capienza: 80018,
  • Allianz Stadium (Juventus) – capienza: 41507,
  • Stadio Olimpico (Lazio e Roma) – capienza: 72698,
  • Stadio Via del Mare (Lecce) – capienza: 33876,
  • Stadio San Paolo (Napoli) – capienza: 60240,
  • Stadio Ennio Tardini (Parma) – capienza: 22352,
  • Stadio Paolo Mazza (Spal) – capienza: 16134,
  • Mapei Stadium/Città del Tricolore (Sassuolo) – capienza: 23717,
  • Stadio Olimpico Grande Torino (Torino) – capienza: 281779,
  • Dacia Arena (Udinese) – capienza: 25132,
  • Stadio Marcantonio Bentegodi (Verona) – capienza: 39211.

I tifosi non stanno più nella pelle, molti di questi stadi erano caduti in disuso negli ultimi tempi perchè sostituiti da stadi maggiori. Ma diverse squadre hanno lottato per tanto tempo per ottenere il ritorno dei propri campi per avere la stessa possibilità di altri team di giocare in casa propria. E finalmente alcune battaglie sono state vinte, si tratta magari di condizioni psicologiche o di richieste che possono sembrare inutili, in realtà non lo sono affatto. Ogni team ha il proprio stadio, perchè deve giocare sempre negli stadi altrui? Ecco che sono partiti i lavori di ristrutturazioni in molti di questi, che hanno permesso di ricominciare a godere dei campi come prima.