Napoli, Carlo Ancelotti: “Non ho mai pensato alle dimissioni”

47

Il tecnico azzurro è tornato a parlare ai giornalisti alla vigilia della gara contro il Liverpool di Champions League.

Alla vigilia dell’importante partita di Champions League fra Liverpool e Napoli il tecnico partenopeo Carlo Ancelotti torna a parlare con i giornalisti dopo lo stop imposto dalla società. Una partita fondamentale per le speranze azzurre di accedere alla fase successiva della prestigiosa competizione. Il momento difficile del Napoli però fa quasi scivolare in secondo piano l’aspetto tecnico dell’incontro.

Le dichiarazioni di Carlo Ancelotti

In attesa del fischio d’inizio ad AnfieldCarlo Ancelotti parla con chiarezza del clima teso che esiste in casa Napoli e non ha dubbio riguardo al suo futuro sulla panchina azzurra: “Non ho mai pensato alle dimissioni in 30 anni di carriera. Si lascia quando non si ha più la fiducia della dirigenza o dello spogliatoio, qui invece esiste un’unità di intenti. I giocatori sono concentrati sulla partita”.

Il capitano Insigne salterà il Liverpool

Riguardo alla difficile gara contro i ragazzi di Klopp: “Sappiamo di avere due possibilità per passare il turno e vorremmo farlo come primi del girone”. Riguardo la scelta dei giocatori da schierare in campo: “ Insigne purtroppo mancherà a causa di un problema al gomito. C’è da valutare sia Rui che Ruiz. Lozano, Allan e Koulibaly stanno molto bene. Il valore della squadra è molto alto, è per questo che le recenti prestazioni non ci soddisfano”.

“Una partita così bella che può darci la svolta”

L’obiettivo per Carlo Ancelotti è quello di recuperare ciò che sembra mancare al Napoli nelle ultime gare di campionato: qualità nel possesso, lucidità, varietà e velocità. Per il tecnico azzurro tutto l’ambiente è concentrato sulla partita ed è in forma sia mentalmente che fisicamente, occorre solo rimuovere psicologicamente un freno che nasce dalla mancanza di risultati. Proprio il fattore psicologico sembra interessare principalmente a mister Ancelotti con una squadra che sembra essere frenata dalla paura. “Non credo che domani la squadra sarà timorosa perché è una partita così bella che può darci la svolta”.