CONDIVIDI
alonso real madrid

Non solo Formula 1 nella vita sportiva di Fernando Alonso. Il pilota della McLaren, con un passato glorioso alla guida della Renault, si è tolto oggi una bella soddisfazione anche nel mondo del calcio, seppur non da protagonista in campo, e nella sua squadra del cuore. Alonso è stato infatti nominato socio onorario del Real Madrid, per il suo attaccamento alla squadra e i grandissimi traguardi sportivi che ha raggiunto nei motori. L’automobilista di Oviedo, da sempre tifosissimo dei Galacticos, è salito sul palco dello stadio “Santiago Bernabeu” dove è stato insignito del riconoscimento dal presidente del Real Florentino Perez. Ad Alonso è stato inoltre consegnata una maglia delle Merengues con il suo nome e il numero uno sulle spalle. “Sono nato per tifare Real – ha spiegato Fernando – ed è un onore immenso essere qui per questo riconoscimento. Tutto è cominciato quando ero bambino: mio padre era un gran tifoso del Real e mi ha trasmesso i valori di questo club. Da piccolo ho visto giocare la Quinta del Buitre (la generazione di grandi giocatori cresciuti nelle giovanili del Real Madrid, come Butragueño e Martin Vazquez, ndr) e da lì in poi tutto il resto. È un onore essere socio di questo grande club, Hala Madrid!».

Perez esalta Alonso: “É un ambasciatore straordinario”

Immamancabile il commento del presidente Florentino Perez, il principale artefice “dietro le quinte” dei successi del Real. «Alonso – ha detto il patron – è un ambasciatore straordinario per il madridismo e per il club, è per questo che abbiamo deciso di accoglierlo tra noi. È il riconoscimento a uno dei nostri tifosi più affezionati, ma soprattutto a uno degli sportivi spagnoli più grandi della storia. Parliamo di un pioniere, di un genio, che per la prima volta ha portato nel nostro Paese il titolo mondiale della Formula 1». Un bel sorriso regalato dunque ad Alonso, nonostante le difficoltà che sta vivendo nella stagione in corso di Formula 1, ultima su tutte il ritiro di ieri dal Gran Premio d’Italia, la gara in cui fino a qualche anno fa era Alonso era di casa, alla guida della Ferrari.