CONDIVIDI
atp washington Zverev

Anche il torneo estivo di tennis Atp 500 Washington 2017 si è concluso e ha visto vincitore il tedesco Alexander Zverev. L’avversario, il sudafricano Anderson, non ha potuto nulla contro ed è stato sconfitto in due set. Storie opposte le loro. Zverev sta collezionando un anno record, con ben cinque finali compresa questa, e non ha nessuna intenzione di fermarsi sul più bello. Nel torneo in terra americana poi sta rullando gli avversari che incontra, grazie anche al suo rovescio incrociato difficile da fermare. Solo Federer è riuscito a fare qualcosa in più nel 2017. Anderson invece sta recuperando la migliore condizione, dopo una serie di infortuni importanti che ne stavano mettendo in discussione anche la carriera. Come quel problema all’anca che l’ha fermato a lungo. La finale è quindi importante per entrambi: per Zverev potrebbe essere il suo primo torneo 500 in carriera. Per Anderson il rilancio di una carriera, brillante fino al Mondiale del 2015.

Lo svolgimento della finale nell’Atp 500 Washington 2017

Il match si apre con un’evidente superiorità fisica di Zverev, il quale mette all’angolo il rivale con risposte più precise e potenti. Sull’1 a 1 nel conto dei giochi, gli basta infatti accellerare un po’ per avere la meglio. Così il primo set scivola abbastanza tranquillo, con il tedesco attento ad aspettare l’errore dell’avversario, che arriva puntuale all’ultimo game quando Anderson fa net nella sua ultima battuta, 6-4. Nel secondo set il sudafricano riesce ancora a lungo a tenere nel punteggio. Ma ancora diversi errori in battuta sono, a conti fatti, decisivi a spostare il punteggio in favore del tedesco, che non va mai sotto. Momento decisivo l’ultimo game, e Zverev è alla battuta. Il tennista non sbaglia e sfrutta al meglio la situazione, chiudendo anche il secondo set con il punteggio di 6-4, dopo un’ora e nove minuti di partita. Così Zverev fa poker, dopo gli Atp 250 di Montpellier e Monaco, e il Masters 1000 di Roma.