CONDIVIDI

Ora è ufficiale: Romeo Sacchetti è il nuovo Commissario Tecnico della nazionale italiana di basket. Il 64enne coach della Vanoli Cremona (LegaDue) e tecnico dello storico Sassari che conquistò lo scudetto nel 2015, è stato scelto dalla Federazione Italiana Pallacanestro per guidare l’Italia al posto di Ettore Messina, che lascerà la panchina azzurra al termine dei Campionati Europei di fine agosto/inizio settembre per concentrarsi unicamente sui “suoi” San Antonio Spurs (di cui potrebbe presto diventare coach raccogliendo l’eredità di Gregg Popovich). Sacchetti, dunque, sarà il coach dell’Italia del basket a partire dal termine del torneo continentale e avrà come sue prime missioni la qualificazione al Mondiale 2019, che si terrà in Cina, e alle Olimpiadi di Tokyo del 2020. Sbaragliata, dunque, la concorrenza degli altri candidati Obradovic e Djordjevic. Sacchetti sarà presentato alla stampa sabato 5 agosto alle ore 11.30 presso il T-Hotel di Cagliari, sede del raduno della nazionale italiana in vista di EuroBasket 2017. Alla presentazione interverranno il Presidente Fip Giovanni Petrucci e l’attuale CT azzurro Ettore Messina.

Le prime parole di Sacchetti da CT della nazione Italiana di Basket

Sono onorato – ha detto Sacchetti – di tornare a vestire questa Maglia, stavolta come CT. Ringrazio il presidente Petrucci e la Federazione per la fiducia che mi hanno voluto accordare”. L’esordio di Sacchetti alla guida della Nazionale avverrà il prossimo 23 novembre in Italia contro la Romania, primo impegno del girone D delle qualificazioni alla FIBA World Cup 2019. Nel girone del torneo l’Italia se la vedrà anche con la Croazia e una squadra proveniente dai gironi di pre-qualificazione al Mondiale (2/19 agosto 2017). Curriculum di tutto rispetto quello di “MeoSacchetti, in cui spiccano lo storico successo da allenatore (con triplete) a Sassari nel 2015 e, da giocatore, l’argento olimpico a Mosca 1980 e l’oro europeo a Nantes 1983.