CONDIVIDI

Si fa ancora attendere la definitiva fumata bianca per Neymar al Paris Saint-Germain. La trattativa tra il club transalpino, il Barcellona e il calciatore è già definita, ma sorge il “problema commissioni”: il Barça infatti dovrebbe versare al padre dell’asso brasiliano, che è anche il suo agente, oltre 30 milioni di euro come “riconoscimento” per aver curato l’operazione. Un affare, quello di Neymar al PSG, che in casa blaugrana non è stato preso bene, specie perchè il giocatore aveva rinnovato il contratto da poco e fino a poche settimane fa non aveva mai espresso il desiderio di lasciare la Spagna, andando ora a indebolire i catalani e costringendoli a tornare sul mercato alla vigilia dell’avvio della nuova stagione. Motivi per cui il Barcellona, indispettito dalla vicenda, oltre alla beffa non vorrebbe subire anche il danno, quello delle pesanti commissioni. Non si esclude dunque un rallentamento dell’operazione, in attesa di chiarimenti sulla faccenda. E c’è chi a Barcellona spera ancora che Neymar non parta più e non lasci Messi e Suarez orfani di un campione…

L’affare Neymar: tutte le cifre del passaggio al PSG

L’inizio della prossima settimana potrebbe essere il periodo giusto per l’ufficialità di Neymar al PSG. Entro lunedì 8 agosto il calciatore dovrebbe presentarsi a Doha, in Qatar, incontrare il presidente dei francesi Al-Khelaifi, sostenere le visite mediche e firmare il nuovo contratto. Da capogiro le cifre dell’operazione: 222 milioni di euro al Barcellona, il valore della clausola rescissoria di Neymar, e contratto quinquennale con ingaggio da 30 milioni a stagione al calciatore. Aggirato inoltre il fair play finanziario con una mossa astutissima: Neymar pagherà di tasca sua i 222 milioni di euro al Barcellona, ma la Qatar Sports Investment verserà direttamente al brasiliano 300 milioni per il ruolo di testimonial dei Mondiali del 2022 in Qatar.