CONDIVIDI
conte chelsea calciomercato

Sono senza attaccanti“. Così ha dichiarato qualche giorno fa Antonio Conte, allenatore del Chelsea, insofferente per un mercato che non lo soddisfa, soprattutto in chiave offensiva. Non basterebbe infatti l’aver portato Alvaro Morata a Stanford Bridge; l’ex tecnico di Juventus e Nazionale italiana vorrebbe di più. A cominciare da quell’Antonio Candreva dell’Inter, da lui allenato e apprezzato in azzurro, che avrebbe chiesto a più riprese alla proprietà, senza però avere l’ok alla cessione dal club di Appiano Gentile. Dopo Morata nessun nuovo attaccante è più sbarcato a Londra e Conte non ha gradito. “Rinforzi? Ho già detto e non parlo più” ha ripetuto anche oggi alla stampa dopo la sconfitta nel Community Shield (ai rigori) contro l’Arsenal. In realtà un nuovo obiettivo in casa Chelsea c’è, ma non è un attaccante: si tratta infatti del centrocampista Danny Drinkwater, uno degli elementi più rappresentativi (in campo e nello spogliatoio) del Leicester.

Un nome nuovo per il Chelsea di Conte

Classe ’90 con 12 gol in quasi 200 presenze con le “Foxes”, Drinkwater è stato uno dei grandi protagonisti dello scudetto del Leicester di due stagioni fa e andrebbe ad arricchire un centrocampo già formato da Moses, Fabregas, Kantè e Marcos Alonso. Esperienza, carisma, geometrie, inserimenti senza palla e all’occorrenza qualche gol in più al servizio di Conte. Tuttavia il Leicester dall’orecchio “cessioni big” non ci sente (chiedere alla Roma per Mahrez) e la trattativa potrebbe essere dura. Chelsea poi ancora non vuole mollare Alex Sandro, terzino della Juventus che sta trattando il rinnovo in bianconero senza ancora arrivare alla fumata bianca. Da Torino sono state rispedite al mittente già due offerte da 70 milioni di euro, una cifra astronomica per un difensore, ma per far felice Conte non è esclusa una terza proposta più ricca firmata Roman Abramovich. Occhi anche su Virgil Van Dijk del Southampton, che però strizza l’occhio al Liverpool. Insomma, molte piste in casa Chelsea. Ma di attaccanti, al momento, neanche l’ombra.