CONDIVIDI
sterling manchester city

Raheem Sterling all’Arsenal per arrivare ad Alexis Sanchez. Questo il piano del Manchester City per acquistare la punta dei Gunners, uno dei più pericolosi attaccanti d’Europa. I Citizens non si arrendono ai ripetuti “no” della società londinese e, a una manciata di giorni dalla fine del mercato, tentano il tutto per tutto. Con un asso nella manica che potrebbe far comodo all’Arsenal. Secondo quanto riportato dal quotidiano britannico Mirror, il City è pronto a formulare una nuova maxi offerta: soldi (tanti) più il cartellino di Sterling. In più il club di Manchester punta sul malcontento di Sanchez, non più convinto della competitività dell’Arsenal in Premier League (partito male in stagione) e deciso a rilanciarsi, oltre che puntare a vincere Champions e campionato. E proprio negli ultimi minuti lo stesso Sanchez, in ritiro con la nazionale cilena per gli impegni di qualificazione ai Mondiali 2018, avrebbe chiesto alla federazione sudamericana di tornare in Inghilterra a causa di motivi personali (si prepara ad ascoltare la proposta del City). Affare possibile dunque. Anche se, ai biancoazzurri, dovesse costare la perdita di Sterling, pagato molto (quasi 70 milioni di euro) e che pochi giorni fa ha regalato ai suoi la vittoria in extremis contro il Bournemouth. Il tempo stringe…

Sterling sacrificato? Preso “il nuovo Neymar”

Il Manchester City intanto ha sbaragliato la concorrenza di Real Madrid e Bayern Monaco per Aminu Mohammed. A riportarlo è il quotidiano Sun, secondo il quale i britannici si sarebbero assicurati il giovane attaccante del West African Football Academy, considerato tra i prospetti più interessanti del calcio africano e paragonato per qualità e caratteristiche a Neymar. E ad ore verrà anche chiarita la questione Ezequiel Mangala: il centrale difensivo ha chiesto al City di essere ceduto e su di lui c’è l’Inter, che sta però trattando anche Mustafi dell’Arsenal, un altro difensore. Prima però il MC deve chiudere l’acquisto di Jonny Evans dal West Bromwich Albion, il sostituto numerico di un Mangala comunque ormai già con la testa lontano dalla Premier.