CONDIVIDI
manchester united josè mourinho

Se Bale giocasse domani sarebbe un segnale evidente che il suo obiettivo è quello di continuare al Real Madrid. Altrimenti, lotterò con gli altri che lo vogliono. Se Bale fosse pronto a partire, io lo aspetterei e combatterei con gli altri tecnici per averlo“. Una strizzata d’occhio non da poco, firmata dallo “Special One” Josè Mourinho. Il tecnico del Manchester United spiega così, in conferenza stampa prima della Supercoppa Europea di stasera contro il Real Madrid, il suo pensiero su Gareth Bale. “Se vuole venire lo aspettiamo” è il messaggio tra le righe (neanche tanto) dell’allenatore dei Red Devils, che con Bale in squadra diventerebbero i favoriti assoluti per la conquista della Premier League 2017/18. Un atto anche psicologico il suo, tentare di destabilizzare uno degli assi dei Galacticos a poche ore dal big match di Supercoppa che assegna a Skopje (Macedonia) il primo vero trofeo internazionale della stagione. Senza contare la voglia del tecnico del Manchester di compiere “il dispetto del secolo” alla sua ex società, soffiandole l’attaccante gallese.

Le cifre per prendere Bale. E il piano del Manchester

Lottare o non lottare, prendere Bale a pochissimi giorni dall’inizio del campionato però non è affatto semplice, non solo per il Manchester United: per prelevarlo dal Real Madrid ci vuole un’offerta da non meno di 100 milioni di euro e una proposta di ingaggio al giocatore da 19 milioni l’anno. Più un piano di competitività, nazionale e soprattutto in Champions League, che lo convinca a pensare che al Real Madrid non si stia poi così bene in confronto. Il tutto passando per l’ok del tecnico Zidane il quale, a dispetto del suo utilizzo col contagocce, lo ritiene “incedibile” e, ammesso che dia l’ok alla sua partenza, pretende un sostituto all’altezza. Missione molto ardua, quasi impossibile. Il Manchester United però può giocarsi la carta De Gea, il portiere che piace tantissimo al Real e che potrebbe essere utilizzato come contropartita tecnica (ritenuto però indispensabile da Mourinho). E attenzione al Chelsea di Antonio Conte. Sì Josè, se Bale partirà ci sarà da lottare…