CONDIVIDI

In attesa di disputare domani il preliminare di ritorno di accesso all’Europa League, il Milan prosegue la caccia al suo bomber d’attacco. Non bastano i neo acquisti Andrè Silva e Borini per accontentare Montella: la società vuole regalare al suo tecnico un centravanti di primo livello, sia in ottica campionato che soprattutto in quella Europa League. Il nome su cui al momento i dirigenti Fassone e Mirabelli stanno lavorando maggiormente è quello di Diego Costa del Chelsea. La punta spagnola è fuori dai piani del tecnico dei Blues Antonio Conte e desidererebbe tornare all’Atlético Madrid, squadra in cui ha trovato la consacrazione. Ma i Colchoneros non possono accoglierlo prima di gennaio 2018, a causa del blocco del mercato di cui sono vittime in questa sessione estiva, e non hanno ancora bloccato il giocatore. Occasione irripetibile dunque per il Milan, con un Chelsea che ha però fissato il prezzo per Diego Costa: 56 milioni di euro per l’acquisto a titolo definitivo. Tanti, anche in relazione a quanto già speso da giugno a questa parte, e non sapendo se Diego Costa sarebbe disposto e stimolato a trasferirsi a Milano. Chi invece andrebbe di corsa al Milan e aspetta solo una chiamata dal club rossonero è Nikola Kalinic, ormai in rotta con la Fiorentina e impaziente di cambiare casacca. Il croato, tra l’altro, è anche il calciatore più semplice da acquistare della rosa di attaccanti valutati: impossibile Belotti del Torino, molto difficile Aubameyang del Borussia Dortmund. E poi c’è Keita

Diego Costa in attacco: Renato Sanches a centrocampo?

Il Milan lavora anche sul centrocampo e l’obiettivo principale nel reparto mediano è Renato Sanches: il centrocampista portoghese del Bayern Monaco, nella lista dei giovani più promettenti al mondo, vorrebbe giocare con continuità e nel gruppo di Ancelotti non ha molti minuti garantiti. Inoltre sarebbe disposto a giocarsi le sue carte in Italia e in rossonero (malgrado il forte pressing del Chelsea). L’affare è complicato: il Bayern, stando a quanto dichiarato dal patron Rummenigge, lascerebbe andare Renato Sanches solo in prestito oneroso (10 milioni di euro) di un solo anno. Chi invece sta trattando per restare, o meglio rinnovare, è Suso, il cui agente Alessandro Lucci è stato ieri nel quartier generale milanista per lavorare al prolungamento del contratto. L’intesa è ancora lontana, con Roma e Napoli alla finestra, ma l’attaccante esterno spagnolo vuole rimanere. Rodrigo Ely, intanto, è stato ufficialmente ceduto a titolo definitivo al Deportivo Alavés.