CONDIVIDI
calciomercato milan rafinha gustavo gomez paletta niang pellegri

Il Milan sta lavorando soprattutto in uscita per questa parte finale del calciomercato. Montella e la società infatti sono convinti che il percorso iniziato in Serie A, con due vittorie l’ultima con il Cagliari, sia molto positivo. E non vogliono smettere di stupire. Partendo dalle certezze, possiamo dire che Gustavo Gomez rimarrà in maglia rossonera. Inizialmente il difensore era dato per certo al Fenerbahce, ma nelle ultime ore è saltato tutto. La spiegazione ufficiale è che Montella lo vuole in rosa per la stagione, ma in realtà ci sarebbero stati dei fraintendimenti tra società turca e procuratore in merito allo stipendio del giocatore, cioè se fosse al netto delle tasse o meno. Poi possiamo affermare con certezza che Belotti non andrà a Milano. Il ‘Gallo’ ha infatti deciso di cambiare procuratore con Raiola, visto come la peste a Milanello dopo la situazione di Donnarumma. Infine parliamo di un affare che Milan e Lazio stanno cercando di tessere da diverse settimane. I laziali hanno chiesto informazioni infatti per Paletta e Niang. Il difensore di origine argentina ha dato il suo assenso per poter ricominciare a giocare con continuità e in una squadra da sempre ambiziosa. Per il giocatore un triennale. Il Milan ha abbassato le richieste e domani Paletta andrà a Roma per sostenere le visite mediche. Il problema semmai è Niang.

Milan a caccia dell’ultimo botto del Calciomercato

Con la cessione di Keita, la Lazio vuole Niang per rinforzare l’attacco. Il francese però per ora ha fatto muro, perché vorrebbe andare al Torino. Il Milan così si trova in una situazione complicata: con le offerte interessanti dello Spartak Mosca e della Lazio, Fassone sarà probabilmente costretto ad accettare l’offerta granata di 12 milioni a causa della volontà del giocatore. In uscita anche Josè Mauri per giocare in prestito con più continuità e continuare a crescere. Probabili destinazioni Bologna o Crotone. Solo in uscita gli interessi del Milan? In realtà si lavora in prospettiva per strappare due campioncini del Genoa, Pellegri e Salcedo, alla Juventus. C’è ancora un tesoretto spendibile di una ventina di milioni, e Fassone vuole usarli bene. I due sogni di colpo last minute sono lo sloveno Kevin Kampl del Bayer Leverkusen e l’estroso Rafinha del Barcellona. La formula per il brasiliano sarebbe un prestito senza diritto di riscatto, ma per ora i catalani hanno risposto di non essere interessati. Poche ore ancora e sapremo la verità.