CONDIVIDI
niang milan calciomercato

‘Mbaye Niang e Gabriel Paletta protagonisti dell’ultima giornata di mercato del Milan, seppur in uscita. L’attaccante e il difensore rossoneri, a pochissime ore dalla fine del calciomercato estivo, non hanno ancora scelto le loro destinazioni e il duo Fassone-Mirabelli sta lavorando senza sosta per piazzare due elementi che non rientrano nel progetto di Vincenzo Montella. In particolare Niang, passato dall’essere uno dei più apprezzati in ritiro dal tecnico del Milan a giocatore per cui, a causa dell’arrivo di Kalinic, del buon rendimento di Borini e dell’exploit di Cutrone, non c’è più spazio. E dunque si tratta a oltranza con il Torino, l’unica squadra per cui Niang ha dato l’ok al trasferimento. Tra i due club c’è però ancora distanza sulle cifre: la richiesta del Milan è di 20 milioni, mentre il Torino è fermo a 15. Poco importa che il giocatore stia puntando i piedi per vestire il granata, senza un ulteriore sacrificio (o un accordo last minute a metà strada) Niang resta in rossonero. Discorso complicato anche quello di Gabriel Paletta, che fino a ieri era a un passo dal Lazio per poi rifiutare all’ultimo momento la destinazione biancoceleste e decidere di giocarsi le sue carte al Milan piuttosto che avere una maglia da titolare assicurata alla Lazio. Ma non sono da escludere ripensamenti e colpi di scena, come un trasferimento in Turchia.

Niang e Paletta da piazzare: Sosa e Gomez restano? Sfuma Jankto

Chi invece potrebbe restare almeno altri sei mesi al Milan è sia Gustavo Gomez che Josè Ernesto Sosa: sul primo c’era il Fenerbahce e sul secondo il Trabzonspor, ma l’intesa economica non si trova. In queste condizioni, così come per Niang, entrambi resteranno al Milan, seppur utilizzati davvero col contagocce. E il ds dell’Udinese Manuel Gerolin ha smentito le presunte voci del passaggio del gioiellino friuliano Jakub Jankto al Diavolo: “Ce l’ha chiesto il Milan – ha detto ai microfoni di gazzamercato.it – e tanti altri, ma abbiamo stroncato ogni interesse sul nascere: vogliamo trattenerlo e farlo crescere ancora”. Dunque mercato in entrata chiuso (e da incorniciare) per i rossoneri, che si apprestano a vivere una stagione da protagonisti.