CONDIVIDI

Non solo Mahrez tra i desideri della Roma. Il club giallorosso continua ad insistere per l’attaccante del Leicester ma, viste le difficoltà intorno al talento algerino, sta seguendo anche altre piste per il ruolo di sostituto di Salah. E il nome nuovo è quello di Lucas Vasquez del Real Madrid. L’esterno delle Merengues, classe ’91 e ben 58 presenze in una squadra che in attacco vanta mostri sacri come Ronaldo, Bale e Benzema, è secondo il sito gianlucadimarzio.com un profilo su cui il ds romanista Monchi è molto vigile: abile nell’uno contro uno e nel dribbling, senso del gol, ottimo piede e capace di strappi importanti. Proprio ciò che serve al tecnico Di Francesco, che con un calciatore di questo calibro potrebbe seriamente lanciare la sfida alla Juventus per il prossimo scudetto. Strappare Vasquez al Real però non sarà facile: ci vuole un’offerta da almeno 20-25 milioni, che non sono i 45-50 di Mahrez ma potrebbero rappresentare un problema. Ed eventualmente ci sarebbe da sondare la volontà di Vasquez di cambiare squadra e paese, lui che è uno spagnolo doc. Si tratta al momento solo di una suggestione, che però in caso di addio al sogno Mahrez potrebbe diventare qualcosa di più.

Dalla suggestione Vasquez alle alternative. Manolas: “Rimango alla Roma”

Le alternative a Lucas Vasquez, e dunque a Mahrez, sono principalmente Suso del Milan, Nasri del Manchester City, Lucas Alario del River Plate e Juan Cuadrado della Juventus, in attesa di conoscere “mister X” a sorpresa. Chi, intanto, da sicuro partente resterà almeno un altro anno alla Roma è Kostas Manolas: il difensore greco, un mese fa vicinissimo allo Zenit San Pietroburgo e accostato anche alla Juventus, ha dichiarato alla stampa cosa ne sarà del suo futuro. “Del contratto – ha detto – non posso dire nulla, non so cosa avverrà. Ma io rimango alla Roma”. Il calciatore attende un incontro con la dirigenza per prolungamento e adeguamento dell’ingaggio (ora è in scadenza 2019) ma le ultime vicende hanno fatto momentaneamente frenare la Roma. Anche se Di Francesco punta molto su di lui in difesa (con l’addio di Rudiger può essere il leader del reparto) e Monchi lo ha già tirato fuori dal mercato.