CONDIVIDI
europeo 2017 pallacanestro italia israele

E’ arrivato anche il nostro turno. L’Europeo di pallacanestro 2017 parte bene per gli azzurri che si ritrovano a vincere contro i padroni di casa di Israele nel Girone B dopo una bella partita. Il pre-gara non è stato dei migliori con l’ennesimo infortunio dei nostri in questa estate: Davide Pascolo, sostituito da Filippo Baldi Rossi che era stato tagliato dalla rosa inizialmente. Il match alla Menora Mivtachim Arena di Tel Aviv è subito fondamentale per sperare di arrivare primi nel girone e quindi agli ottavi del torneo. Nei primi minuti gli avversari ci tengono bene testa e con la tripla della loro stella Dawson ci raggiungono sul 13 pari. Alla fine del primo quarto però gli azzurri si scrollano di dosso pensieri e paure e cominciano a imporre il loro gioco fatto di difesa e ripartenze rapide. Così già avanti di quattro lunghezze, ci allarghiamo ulteriormente con il canestro di capitan Datome sulla sirena del primo riposo, 21 a 15. Sei punti però non bastano per avere la meglio sui padroni di casa. Nel secondo quarto sembra che abbiamo la meglio riuscendo a portarsi sul +10, ma la reazione dei israeliani è feroce, sostenuta anche da un tifo indiavolato. Solo un grande Belinelli ci fa tenere la testa a galla e con le sue triple tampona una situazione difficile. Alla fine del secondo siamo avanti solo di quattro punti.

Europei di pallacanestro: l’Italia trova una marcia in più

Mister Messina vuole partire con il piede giusto in questo Europeo di pallacanestro e chiede di fare uno sforzo in più ai suoi per colpire gli avversari ora che hanno dato tutto. Così al rientro dal riposo lungo l’Italia finalmente dilaga nel punteggio, grazie sempre a Datome e Belinelli (18 punti a fine gara), cecchini perfetti dalla distanza. Sul finale del terzo quarto siamo a +10, 51 a 41. Nell’ultimo tempo infine la mazzata finale, con i padroni di casa incapaci di arrestare il giro palla azzurro e i numeri d’alta scuola di Filloy, forse il migliore in campo, che si segnala per due triple di fila (dei 12 punti segnato in tutta la partita). Il match termina così 69 a 48, con un vantaggio di 21 punti. La difesa basata su Cusin e Melli ha funzionato perfettamente, tanto che negli ultimi sette minuti sono solo 3 i punti concessi a Israele. Sembrano lontane le amichevoli in Grecia dove c’era stata qualche errore di troppo dietro. Domani ce la vedremo con l’Ucraina alle 17:30. In teoria la squadra slava è la cenerentola del girone, ma occhio a non abbassare la guardia.