CONDIVIDI
moto2 brno moto3

In attesa della MotoGP, a Brno sono andate in scena la Moto2 e la Moto3. In quest’ultima si è assistito al monologo di Joan Mir, su una Honda Leopard, nonostante le condizioni atmosferiche cominciavano a peggiorare. Il pilota è sempre più primo nella classifica iridata, a più 52 dal secondo. Secondo che, come in classifica così sul podio, è il nostro Romano Fenati che corre su una Honda Snipers. L’ascolano sta eseguendo un’ottima stagione, con il quarto podio di fila e un ottimo argento, ma Mir sembra decisamente pronto per la categoria superiore. I due sono partiti un po’ lenti, preoccupati soprattutto di non cadere sulla pista viscida per la pioggia, ma poi hanno centrato le prime posizioni. Terzo Aron Canet, bravo a risalire dalle ultime file. Lo Sky Racing Team VR46 strappa qualche punto mondiale grazie ad Andrea Migno, undicesimo, e Nicolò Bulega, 23esimo.

Moto2, Luthi accorcia in classifica su Morbidelli

Inizia alle 12.20 la gara di Brno per la Moto2. Nei primi minuti è bagarre tra Oliveira e Pasini, mentre dietro faticano gli altri big, con il nostro Bagnaia che regge la terza posizione solo per pochi giri. La gara sembra indirizzata in favore di Pasini e Morbidelli, quando la pioggia, a meno 14 dal traguardo, comincia a cadere insistente. La gara verrà da questo momento stravolta per le precipitazioni. Infatti viene alzata la bandiera rossa e i piloti ripartono dalla griglia in base all’arrivo sul traguardo. Così negli ultimi sei giri succede quello che non ti aspetti: cade Pasini, tradito dalle gomme, scivola indietro Morbidelli, mentre lo svizzero Luthi si prende le redini della corsa per non cederle più a nessuno. L’italiano, al comando in classifica, accetta la situazione e non forza rimanendo in ottava posizione. Anche se così facendo riapre il mondiale, proprio in favore di Luthi, ora distante solo 17 punti da Morbidelli. La classifica finale quindi è stata: Luthi, Marquez, Oliveira, Marini, Vierge, Corsi, Bagnaia e Morbidelli.