CONDIVIDI
napoli atalanta 3-1 serie a 27 agosto 2017 zielinski mertens rog

Tanto dei sogni Scudetto del Napoli passano per le piccole squadre. Non che la macchina di Gasperini possa essere considerata un’avversario da poco, ma i partenopei negli ultimi hanno sempre difettato in un aspetto: il cinismo contro le squadre non di primo livello. Anche perché prima di pensare alle squadre che si affronteranno ai gironi di Champions c’è tempo. Sarri allora per vincere ha schierato la migliore formazione possibile, con il solito Mertens falso nove supportato da Insigne e Callejon. I bergamaschi hanno risposto con il tridente pesante Ilicic, Gomez e Petagna. Nei primi minuti si nota subito il pressing ultra-offensivo dei nero blu, i quali impediscono di fatto il fraseggio stretto che piace tanto agli azzurri. E non è un caso allora che la prima rete sia degli ospiti: al 15′ Gomez dalla destra fa spiovere un cross per Cristante che supera tutti e insacca, 0 a 1 per l’Atalanta. Due minuti dopo chiedono anche un rigore per presunto tocco di mano su il tiro di Freuler, ma il Var tace. Poi alla mezz’ora Hateboer scodella in mezzo l’area e la difesa azzurra spazza via come può. La partita a questo punto si fa effervescente. Al 34′ Callejon non riesce a pareggiare da due passi su cross di Ghoulam, poi nei minuti finali di primo tempo è Ilicic ad avere una grande occasione con un tiro che impegna Reina.

Napoli, che recupero nel secondo tempo

Nella ripresa Gasperini decide di chiudere ancora di più gli spazi con l’inserimento di De Roon. I primi minuti sembrano uno specchio dei precedenti, se non ci fosse un piccolo particolare. All’56’ Zielinski stoppa di petto e fa partire una sciabolata che si infila sotto l’incrocio, pareggio! E’ una rete fondamentale perché capitata nel momento peggiore del Napoli. Qualcuno potrebbe dire che è una rete da Scudetto… Gli azzurri prendono coraggio e ricominciano a far girare la palla come sanno. Fuori Hamsik, dentro Allan, che ha tanta benzina nelle gambe. Così al 61′ Mertens trova il vantaggio dopo il passaggio volante di Insigne, 2 a 1! L’Atalanta sparisce dal campo, è una mazzata tremenda dopo una partita così ben giocata. I nero blu si riaffacciano in finale di gara con qualche timido tentativo, subito frustrato dal contropiede micidiale di Rog per il definitivo 3 a 1. Ancora una vittoria per i partenopei che rimangono agganciati a Juve, Milan e Inter. Per ora va bene così. Dopo la pausa delle nazionali si continuerà il sogno.

Serie A 2017/2018, ecco gli highlights e il video gol partita di Napoli-Atalanta 3-1