CONDIVIDI

Continuano le prove libere, le terze e ultime prima di quelle ufficiali oggi pomeriggio, sul circuito della Repubblica Ceca, a Brno. Pista notevolmente più asciutta rispetto a ieri, dove inizialmente aveva fatto molto bene Lorenzo, poi nelle seconde libere Dovizioso. Con le condizioni normali la Honda ha preso il sopravvento. Si è iniziato come sempre alle 9.55, con l’asfalto che segnava i 32 gradi di temperatura. L’inizio non è dei migliori: una evidente macchia di olio in pista, fuoriuscita dalla moto di Bautista, fa cadere Marquez senza conseguenze fortunatamente. Dopo i necessari interventi dei commissari, viene tolta la bandiera rossa e Pedrosa tenta il colpaccio con un’ottimo cronometro, 1 minuto e 55.541 secondi. Per farlo rischia di farsi male scivolando anche lui, ma si rimette subito in sella alla sua moto. Il tempo dello spagnolo regge per buona parte delle prove libere, almeno fino a quando gli altri grandi del Moto Gp decidono a fare sul serio.

Cambio di gomme nelle prove libere ed emergono le Honda

Per diversi minuti i piloti continuano a girare per trovare il giusto feeling con l’asfalto, poi la maggior parte rientra per montare le gomme soft, perfette per raggiungere ottimi tempi nei pochi giri che rimangono. Rossi, sornione fino a quel momento, emerge a dieci minuti dalla bandiera a scacchi con il tempo di 1 minuto e 55.578 secondi. E’ momentaneamente terzo, avendo superato anche Lorenzo. Ma il tempo di Pedrosa è ancora leggermente superiore. I due però non possono nulla contro l’altro spagnolo, Marc Marquez, il quale nel penultimo giro svetta a 1,55.370. Non c’è più tempo, e i piloti chiudono in quest’ordine: Marquez, Pedrosa, Rossi, Vinales, Dovizioso, Crutchlow, Espargaro, Zarco, Lorenzo, Baz. Insomma le qualifiche di oggi pomeriggio ci daranno la conferma, ma per ora tutti i migliori piloti stanno dimostrando buone cose. In particolare le Yamahaa, che si sono difese tanto sul bagnato che sull’asciutto.