CONDIVIDI
angel lopez vuelta

Un undicesima tappa che ha riscritto la classifica generale e che ha visto trionfare Angel Lopez e in cui è apparso chiaro a tutti che la lotta per la vittoria finale riguarda solo Froome e Nibali che insieme a Contador ha provato a staccare il leader della classifica generale non riuscendoci ma siamo sicuri che entrambi ci riproveranno anche se lo spagnolo è sempre più lontano dalla prima posizione perchè anche quest’oggi alla fine ha accusato un piccolo ritardo di 23 secondi. Male il nostro fabio Aru giunto al traguardo con piu di un minuto di ritardo. Una tappa caratterizzatta dal maltempo e che ha visto subito prender via la fuga di giornata con ben quattordici uomini:Bob Jungels (Quick-Step Floors), Alessandro De Marchi (BMC), Antonio Pedrero (Movistar), Lennard Hofstede (Sunweb), Romain Bardet (AG2R-La Mondiale), Simon Clarke (Cannondale-Drapac), Antwan Tolhoek (LottoNL-Jumbo), Matej Mohoric (UAE Team Emirates), Sander Armée (Lotto Soudal), Giovanni Visconti (Bahrain-Merida), Igor Anton (Dimension Data), David Arroyo (Caja Rural-Seguros RGA), Conor Dunne (Aqua Blue Sport) e Aldemar Reyes (Manzana Postobon).

Tappa ad Angel Lopez: Nibali ci prova ma Froome resiste

Il gruppo non ha lasciato fare in questa occasione e ha concesso ai fuggitivi massimo quattro minuti e per loro infatti non c’è stato niente da fare con Bardet ultimo ad arrendersi, sul quale si era portato anche Atapuma che non faceva parte dei fuggitivi, ma entrambi sono stati ripresi sull’ultima salita dove è scoppiata la bagarre. Nibali e Contador sono scattati con il gruppo maglia rossa che si è sgretolato con il nostro Aru, Chaves e De la Cruz che non hanno mantenuto il ritmo. Froome grazie ad uno strepitoso Moscon si riporta sui due attaccanti. L’azzurro ci riprova una seconda volta con l’inglese che inizialmente perde contatto ma poi si riprende riportandosi su Nibali e su Miguel Angel Lopez che alla fine riesce a giungere per primo sul traguardo con il leader della Generale che precede il corridore siciliano. Aru in grave ritardo cosi come Chaves giunto ad 1’50”. A questo punto la lotta per la maglia rossa appare questione tra Froome e Nibali che ha un distacco di 1’19”.